Probabilmente la vita è solo una puttana di cui ci siamo innamorati

Ogni tanto faccio un esercizio spirituale molto efficiente, prendo una sedia, una bottiglia di rum e mi piazzo suo balcone. Da lì osservo l’evoluzione della nostra civiltà, che ci ha portati a vivere un’epoca splendente come questa.

 

Un’epoca dove il cibo più sano ed ecologico è fornito dall’industria di massa e non dal contadino, dove i bambini non sono liberi di giocare per strada ma possono trascorrere ore davanti a qualsiasi tipo di schermo luminoso, dove la politica si fa con “grandi alleanze” e non con dibattiti e scontri in piazza, dove non è lecito violare la privacy ma è normale raccontare i propri cazzi su otto social network diversi.

Che fortuna aver il privilegio di vivere in questa epoca.

Osservo le nuvole che avanzano, pigre e lente, divorano gli ultimi frammenti di cielo.

Penso a “Pino quaranta volte”, eroinomane del mio paese in adolescenza. Fu lui a insegnarmi indirettamente questo esercizio.

Abitava con sua madre, vedova, e ogni tanto si piazzava fuori al balcone, in mano una bottiglia di vino. Sputava sui passanti e bestemmiava. L’eroina e le anfetamine lo avevano ridotto a un relitto.

Aveva diciotto anni quando si affacciò dal balcone e leggenda narra che si masturbò quaranta volte, gridando “Clero bastardo”, fino a svenire.

Con Pino non ci ho mai parlato, al massimo l’ho salutato qualche volta. Lui non mi ha mai risposto.

A 35 anni era già sottoterra, si racconta che al funerale non sia andata nemmeno sua madre.

La televisione del vicino con il volume in modalità “concerto Motorhead”, mi informa che la Catalogna vuole dichiarare l’indipendenza.

Mi chiedo che cazzo faccia la gente dalla mattina alla sera per trovare il tempo di scendere in piazza e manifestare per indipendenze a caso.

Non avete familiari malati voi? Figli che non vedete mai? Compagne con la sindrome d’abbandono? Unghie incarnite? Niente?

L’Occidente che da secoli depreda e divide, ora è alle prese con una sorta di autolesionismo.

La Catalogna vuole l’indipendenza, la Scozia, i fiamminghi, il Vento e la Lombardia anche.

A questo punto torniamo indietro di 500 anni, con gran ducati e signorie, guerre civili ogni due giorni, epidemie di peste e mortalità infantile al 30%.

Mi sembra un buon programma per mettere d’accordo tutti.

Le fondamenta della civiltà occidentale hanno ceduto e il senso di paura e insicurezza hanno preso il sopravvento e divorato le sue certezze. Proprie come queste nuvole che allontano gli ultimi raggi di sole.

Ogni dio è stato sepolto, la famiglia si è rivelata un rifugio ipocrita, la politica ci ha illusi con eterne bugie.

Possiamo consolarci strisciando carte di credito dopo gli acquisti da Zara, sentirci parte di un mondo evoluto e sicuro quando il nostro ultimo acquisto di Amazon giace sull’uscio della nostra porta e sperariamo in una vita lunga e priva di dolori assaporando la torta a base di quinoa e yogurt al basilico.

Tiro un altro sorso di rum, direttamente dalla bottiglia. Il liquido mi brucia in gola e cerco di soffocare le lacrime. Perché se lasci loro spazio non terminano più.

Magari l’Apocalisse è già giunta e nemmeno ce ne siamo accorti. Magari siamo nel mezzo dell’Apocalisse e ci troviamo perfettamente a nostro agio.

A chi diamo la colpa ora? Ai profughi? Alla Merkel? Alla Corea del Nord?

Un altro sorso di rum. Lacrime che ormai sgorgano in silenzio. È giunto il crepuscolo e le strade s’immergono per pochi minuti in un silenzio quasi surreale. Il momento in cui il papà torna a casa e saluta la famiglia che lo attendeva per cenare, lo studente fa una pausa studio e telefona a sua madre, gli adolescenti si scambiano gli ultimi baci al sapore di erba e coca-cola.

La morte si sconta vivendo scrisse Ungaretti,

L’inferno sono gli altri aggiunse Sartre.

 

 

 

Probabilmente la vita è solo una puttana di cui ci siamo innamorati.

Lebanon Hanover

Annunci

Bucarest: Il re, il messia, la leggenda

Se provate a chiedere di Bruce Lee a Bucarest, nessuno vi parlerà del campione di arti marziali che fu in grado di vincere tutto sul ring e di imporsi anche come icona del cinema mondiale.

Tutti vi racconteranno, invece, di un tizio che sbucava dai tombini con un gilet di pelle strappato , ricoperto di catene e cicatrici e con la testa cosparsa di Aurolac. Il suo vero nome era Florian, non era giapponese ma romeno, probabilmente rom. Mestiere: sniffatore di colla e spacciatore di droga. La sua storia non ha a nulla che fare con il Bruce Lee di Hollywood ma merita di essere raccontata.

P1350286

Bucarest è una delle tante città dell’ex unione sovietica che cerca disparatamente di scacciare i fantasmi del passato, gli anni tragici di Ceausescu e gli strascichi di un comunismo soffocante. Un trascorso così difficile non è semplice da metabolizzare, le cicatrici lasciate sono profonde, proprio come quelle sul corpo di Bruce Lee, alias Florian.

La storia del Bruce Lee romeno inizia proprio durante la dittatura di Ceausescu, in grado di concepire riforme come l’abolizione del preservativo (1966) per incrementare la crescita demografica. Il tutto condusse a un’ondata di nascite indesiderate e quindi di bambini abusati e poi abbandonati per le strade della Romania. Ceausescu non si curò di questo particolare, il comunismo cadde nel 1989 e il paese si trovò con un’orda di problemi cui far fronte. Il paragrafo “orfani” passò automaticamente in secondo piano.

Molti di questi bambini trovarono rifugio nei sotterranei di Bucarest –costruiti durante la dittatura per agevolare il riscaldamento delle abitazioni- dove fondarono una sorta di società parallela, tra questi c’era il nostro Bruce Lee/Florian. Una marea di adolescenti e bambini che iniziarono a consumare droghe per sfuggire ai morsi della fame e soprattutto dai ricordi traumatici.

a19885_c6f2074ea47b4b6ba57a4f0e835869f6_jpg_srz_736_491_85_22_0_50_1_20_0

Il tempo passava inesorabile e Bruce Lee, iniziò a farsi spazio nella Bucarest violenta e tossica, in cui il mercato pedopornografico fioriva speculando sulla miseria. Bruce Lee riuscì con le cattive a prendersi una grossa fetta del traffico di stupefacenti, togliendolo a bande criminali e stabilendo una sorta di morale, secondo la quale la violenza sui minorenni non era più tollerata.

In poco tempo compose in maniera minuziosa una società sotterranea, che divenne il cuore del traffico di stupefacenti e lui il re.

A un certo punto, Bruce, decise di smettere con l’abuso di droghe e di concentrarsi sull’accudimento dei tossicodipendenti senza tetto. Il re si tramutò in messia. E se Cristo tramutò l’acqua in vino, lui iniziò s costruire una casa abusiva nel mezzo di un giardino pubblico di Bucarest. In maniera tale che i tossicodipendenti potessero consumare droghe lontano dalle strade e trovare riparo durante la notte. Contemporaneamente cercò di aiutare i bambini abbandonati, iscrivendoli nelle scuole e cercando lavoro per chi volesse re-integrarsi nella società. Ma ogni re è destinato a cadere, ogni messia a divenire martire.

All’età di 42 anni Bruce, ormai malato e devastato dalle droghe, fu arrestato per traffico di stupefacenti (cessò solo di assumerne, non di venderle) e trascorse gli ultimi suoi giorni in un ospedale.

La sua caduta fu preceduta da un altro duro colpo, la morte di una ragazza, Catalina, innamorata persa di lui. Catalina morì per overdose all’età di vent’anni. Per Bruce fu un colpo durissimo da cui non riuscì mai a riprendersi completamente.

article-2657034-1EB8C6F200000578-17_964x502

Si vocifera che persone a lui vicino abbiano spinto per la sua cattura, corrotte dalle offerte di bande criminali. Sta di fatto che dopo la morte di Bruce, il popolo delle fogne (così è apostrofato dalla gente di Bucarest) perse il suo condottiero, entrando in un vortice di violenza e anarchia.

Nei pochi filmati e interviste rilasciate, Bruce, appare come una sorta di antieroe, vittima delle sue paure e del suo passato tormentato. Le sue parole lasciano trasparire tante contraddizioni, espresse attraverso una morale cinica ma realista. Bruce non combatteva nemici, né voleva costruire un mondo migliore, probabilmente era solo alla ricerca di una redenzione personale. In fuga da un senso di colpa enorme, di cui –inconsciamente e ingiustamente- si era fatto carico.

Per i tossicodipendenti di Bucarest è stato una figura paterna, un punto di riferimento in un mondo di solitudine e dolore.

Ascoltando le interviste e soffermandosi sulle sue parole si comprende quanto Bruce avesse bisogno di essere amato e come quest’amore potesse trovarlo solo nella gratitudine del popolo delle fogne. Le catene che trascinava dietro di sé simboleggiavano il peso dei suoi sensi di colpa, degli errori commessi nella sua vita. Ma Bruce forse non comprese mai che non aveva nulla da farsi perdonare. Che la vita è un terno al lotto, in cui felicità e sofferenza sono dispensate a occhi chiusi e rimbalzano su confini purtroppo non disegnati da noi. Linee invisibili, invalicabili, che dividono i privilegiati dai dimenticati.

Bruce non si è mai identificato come vittima, forse per orgoglio, forse perché agli occhi di tanti sono sempre stato “l’indesiderato” e “il colpevole”.

Oggi Bucarest va avanti, anche senza il suo Bruce Lee. Trascinata dalle speranze delle nuove generazioni e dalla loro voglia di riscatto. Il popolo delle fogne continuerà a esistere, a contare le ore, i minuti che lo dividono dalla prossima dose di eroina. Aspettando che Bruce ritorni, raccontando la sua storia e sperando che in un modo o nell’altro ritorni per dare loro un’illusione di speranza.

Il re, il messia, la leggenda.

 

Ryanair e Karl Marx

 

La vicenda Ryanair e dei suoi 2000 voli cancellati, offre uno spunto di riflessione interessante sul concetto di capitalismo.

La compagnia irlandese col passare degli anni ha messo in ginocchio pezzi grossi del settore, basti pensare all’ultimo titano caduto: AirBerlin.

Prezzi imbattibili, tariffe stracciate, voli in ogni parte d’Europa. Tutto bellissimo.

Da qualche giorno è stato però comunicato che la compagnia sarà costretta a cancellare più di duemila voli, tra settembre e ottobre. Perché? Mancanza di personale, o meglio, di piloti e soprattutto turni di riposo insufficienti.

A quanto pare molti piloti della Ryanair siano stati assunti da altre compagnie, disposti a pagarli meglio, chi è rimasto ha dovuto coprire turni al limite del sostenibile.

Non proprio una sorpresa, visto che da tempo circolavano voci sulla politica aziendale non proprio “fair” del colosso irlandese. Si parla di ferie non retribuite, stipendi bassi per gli standard del settore, malattia non retribuita (http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-09-19/la-fuga-piloti-a-partita-iva-ferie-e-malattie-non-pagate-090726.shtml?uuid=AEqEr7UC). Secondo alcuni dati, sarebbero circa 700 i piloti che tra il 2016 e il 2017 hanno fatto le valigie per accasarsi presso la concorrenza (Norwegian Air, Easy Jet, Lufthansa). Il tutto scatenando le ire di O’Learly, il quale ha definito la tale mossa “concorrenza sleale”.

Come se lo sfruttamento della forza lavorativa fosse, invece, eticamente e moralmente accettabile.

Fondamentalmente ciò non è nulla di nuovo. Qualche mese fa sono emerse anche le testimonianze delle hostess e degli stewards che si lamentavano delle condizioni di lavoro precarie (https://www.investireoggi.it/fisco/lavoro-ryanair-low-cost-anche-lo-stipendio-la-verita-dei-dipendenti/). Certo, siamo in un periodo storico in cui i concetti di stabilità e sicurezza finanziaria sono un’utopia ma non dimentichiamo che parliamo di due mestieri –pilota e hostess- inseriti tra quelli ad alto stress fisico e psicologico.

ryanair-se-il-tuo-volo-e-cancellato-le-polemiche-passano-dai-piloti_d30878d2-9d11-11e7-9ae3-e551b8434c93_998_397_big_story_detail

La Ryanair ha approfittato all’epoca di un momento di stallo del mercato per speculare sulla manodopera e offrire un servizio a prezzi popolari. Ora il mercato si è aperto, sono scesi in campo più concorrenti, con investimenti mirati e massicci –basti pensare alle ambizioni della Norwegian Air-. Il punto di forza della compagnia irlandese, si è trasformato paradossalmente nel suo tallone d’Achille. I suoi dipendenti non hanno mai sviluppato una mentalità di fedeltà all’azienda, perché da lei si sono sempre sentiti sfruttati e mai valorizzati. Un’azienda che intende ampliare il suo raggio d’azione non può fare esclusivamente leva sul marketing e sulla speculazione ma deve prima di tutto stabilizzare il suo organico, far sì che il dipendente si percepisca parte del progetto a lungo termine. E’ quanto fondamentalmente fanno le multinazionali “yuppies” della Silicon Valley: Google o Apple per citarne solo alcune.

L’azienda di O’Leary può essere considerata sicuramente un modello sotto molti punti di vista: marketing, crescita e accumulo del capitale, monopolizzazione di un settore. Purtroppo questo collasso insegna qualcosa di ancora più importante: se il capitale non è equamente distribuito, il sistema per cause di forze (interne o esterne) collassa. In parole povere: se paghi a tozzi di pane, non puoi pretendere che la struttura aziendale rimanga immutata nel tempo, conservando la stessa linea di profitto.

Niente di nuovo, Karl Marx lo scrisse già nel libro “Il capitale”.

Ma credo che O’Learly non lo abbia mai letto.

“Vacchi è la proiezione del vuoto culturale ed emotivo della nostra epoca”

Mentre attendo che un meteorite si schianti sulla terra e ponga fine all’esistenza della razza umana , leggo la notizia che a Gianluca Vacchi verranno pignorate proprietà dal valore di dieci milioni di euro. Il tutto a causa di un mancamento pagamento di un prestito nei confronti di un istituto bancario.

Quando vengono alla luce faccende del genere, la cosa più interessante è sicuramente la reazione dell’opinione pubblica che non si esenta mai dall’insultare o deridere senza porsi le giuste domande.

Normalmente vige la regola: “quando i giganti cadono, fanno più rumore.”

Peccato che Vacchi non sia un gigante. Ok la bella vita, i soldi -nemmeno tanti se confrontati a un qualsiasi “pezzente” milionario russo- e le belle donne; ma Vacchi, onestamente, non è un modello di imprenditoria, né fonte di ispirazione o una figura di un movimento politico.

Quindi, cosa è Vacchi?

Vacchi è la proiezione del vuoto culturale ed emotivo della nostra epoca.

vacchi

Un cinquantenne narcisista, perseguitato dalla paura di non poter essere nessuno e quindi alla continua ricerca di un’approvazione rapida, incentrata sull’immagine. Dietro tatuaggi, pettorali e vestiti sgargianti non c’è nulla. Vacchi diverte perché è un personaggio da commedia trash quasi grottesco, che asseconda le fantasie infantili di un pubblico che ha perso ogni capacità immaginativa.

Suscita invida a fronte di un materialismo sfrontato e cafone. Ma i veri ricchi non ostentano, lasciano intenderlo e si proteggono dietro un’anonimità quasi sacra. Bill Gates non posta foto di drink sorseggiati a bordo piscina, Abramovic non balla in treno, così come Tronchetti non sputtana a mezzo mondo con chi va a prendersi un caffè e una torta alle nocciole.

Vacchi è fondamentalmente la caricatura deforme di un uomo di successo, un’icona banale di un’era dove basta poco per ottenere visibilità.

Il web che lo ha innalzato a “vate e idolo”, ora la condanna e insulta. Quasi avesse aspettato con ansia la caduta dell’eroe divino, dell’Achille abbronzato, tozzo e goffo.

La rete è spietata, crea e distrugge miti nell’arco di pochi secondi.

Gianluca Vacchi non ha perso un trono, perché non ne ha mai avuto uno.

Ha perso semplicemente il suo posto di giullare di corte, pronto a essere sostituito dal prossimo candidato.

“Non é il calcio a essere malato”

Ricordo i pomeriggi trascorsi a giocare a calcio sull’asfalto, tra sterco di cane, buche e pezzi di tufo a segnare le due porte. Pioggia o quaranta gradi non faceva alcuna differenza. Ore e ore trascorse cercando di emulare le giocate dei nostri idoli. Le punizioni di Del Piero, i tocchi di Zidane, gli stacchi di Bierhoff, le mine dalla distanza di Recoba. Rientravamo a casa la sera, sporchi, esausti e con sbucciature ovunque. Non avevamo divise. Una maglietta in poliestere scadentissimo del nostro giocatore preferito acquistata dai marocchini, pantaloncini deformati sopravvissuti a mille lavaggi e cadute, scarpe da ginnastica destinate a durare pochissimo.

I litigi con i vicini a causa di piante amputate o specchietti di auto rotti a suon di pallonate, le discussioni sul “rigore o non rigore”, le risate. Le esultanze alla Rivaldo, “la mitragliatrice” di Batistuta o la posa alla Salas.

Volevamo difendere come Monetero e Nesta, parare come Pagliuca e Marchegiani, inventare come Veron e Djoerkaeff, fare le montagne di gol di Trezeguet e Hubner.

Il calcio era la nostra alienazione da una quotidianità noiosa in un paese che non aveva nulla da offrire se non disagio e degrado.

Non volevamo diventare calciatori, non ci interessava nulla dei loro soldi, delle loro vacanze. Per noi erano atleti straordinari, sportivi. Forse ignoravamo ingenuamente l’altra faccia della medaglia o forse era davvero un altro calcio. Sicuramente non pulito ma lontano anni luce dallo Show-Business di oggi.

Non c’era l’esigenza esasperata di rendere tutto enorme, patinato, di farne un culto narcisistico. Il concetto di bandiera si rifletteva in tanti giocatori, le montagne di miliardi circolavano già allora ma solo su grandi nomi. Gli sponsor si limitavano a essere presenti su magliette o cartelloni, non rappresentavano il calciatore. I procuratori erano figure secondarie, se non marginali.

Con gli investimenti dei sauditi, dei russi, dei cinesi il tutto ha cominciatoa prendere una piega diversa. Gli sponsor e i procuratori hanno iniziato a ricoprire un ruolo sempre più importante nella figura del calciatore, le banche si sono riscoperte “finanziatrici” per acquisti di lusso. Il calciatore è diventato progressivamente un prodotto preconfezionato, studiato per il marketing, per vendere e influenzare le masse. Il calcio diventava sempre più un fenomeno globale e capitalista.

neymar_attore_cinema

Christopher Lasch nel suo saggio del 1979 “The Culture of Narcissism: American Life in an Age of Diminishing Expectations” ha spiegato perfettamente questo processo. La sempre crescente presenza di tifosi e supporter é combaciato con l’esplosione della produzione di massa. L’industria comprese che lo sport poteva diventare un prodotto da vendere alle masse e l’atleta “il mezzo” perfetto per recapitarlo. Lo spettatore si è ritrovato cosí nel giro pochi anni a essere un elemento passivo che usufruisce e consuma ma non decide.

Il caso Neymar è la conseguenza di un processo che è iniziato i negli anni ’70, con l’avvento di una società consumista e media-dipendente.

Abbiamo subordinato progressivamente il piacere per lo sport al piacere per lo spettacolo, il concetto di squadra all’ego del campione, l’agonismo all’intrattenimento.

 

 

 

 

 

“Thank you, Chester”

La morte di Chester Bennington fondatore e leader dei Linkin Park ha sconvolto il mondo dello spettacolo e quello dei comuni mortali. Il suo suicidio ha portato alla luce un problema molto scomodo, di cui si parla sempre poco e cioè quello della depressione. Nessuno avrebbe potuto immaginarsi che una persona così carismatica e amata come Chester potesse compiere un gesto del genere. La stessa reazione si ebbe ad esempio alla morte di Amy Winehouse, talento incredibile e amatissimo ma persona fragilissima.

L’opinione pubblica, in questi, casi si divide sempre tra “empatici” e “cinici”. Ognuno ha ovviamente il diritto di dire e scrivere quello che vuole ma a volte ci si dimentica cosa ci sia dietro una morte del genere. La solitudine, la sofferenza e il dolore sembra assumano un significato diverso se riguardanti persone famose. La morte di un attore o di un musicista per overdose suscita quasi un ghigno di soddisfazione in molti: „ah, avevi soldi e fama e hai fatto la fine di una merda”. Commenti come questo è facile leggerli in rete, così come sentirli in discussioni tra conoscenti. Come se la differenza di status ci permettesse di ignorare i problemi personali e le ferite di un altro essere umano. O ancora peggio, quasi gioirne.

Eppure Chester non era una star boriosa, arrogante. Aveva un ottimo rapporto con i suoi fan, nelle interviste aveva più volte raccontato della sua infanzia segnata da abusi sessuali e della sua lotta alla dipendenza da droghe. Non ha mai cercato di giustificare la sua dipendenza come d’altronde non ne ha mai fatto un motivo di vanto. A differenza di altre rock star o cantanti Rap.

Chester descriveva i suoi tormenti e angosce nelle canzoni che cantava ed è per questo che la gente lo adorava. Nonostante i milioni, tour sold out, il successo, era rimasto una persona sincera, schietta. Con canzoni come “Numb” ha descritto perfettamente lo stato emotivo che molti adolescenti cercano di combattere ogni giorno. Quella sensazione di solitudine e impotenza, la voglia di una rivincita nei confronti di una vita che per molti non è stata generosa.

chester-bennington

Avevo circa 15 anni quando Hybrid Theory scaló le classifiche. Hits come “In the End”, “Crawling”, “Papercut”, giravano ovunque. I Linkin Park avevano avuto il coraggio di rendere il nu Metal più arrivabile e ascoltabile alla gente. Fino ad allora band validissime come Korn, Slipknot e Mudvayne avevano monopolizzato la scena senza peró  raggiungere il grande del pubblico ance quello non prettamente metallaro.

I Linkin Park ci riuscirono perché avevano un talento come Chester, la cui voce riusciva a congiungere la rabbia del nu Metal con la delicatezza del rock-pop. Le ultime scelte musicali dei Linkin Park avevano spiazzato i fan storici, disorientati dall’eccessivo “popizzarsi”  della band. Nonostante tutto i Linkin Park hanno continuato con i loro tour mondiali e a vendere milioni di dischi, perché anche se la musica cambiava, la voce e le parole di Chester rimanevano le stesse.

Chester e i Linkin Park non hanno scritto un nuovo capitolo della musica, non hanno rivoluzionato né il rock, né il metal ma sono riusciti a giungere al cuore e di molte persone; a dar voce ai loro sentimenti, a donare loro una melodia che potesse descrivere il loro momenti piú bui.

 

_______________________________________________________________________________________

Secondo i dati della OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) circa 300 milioni di persone nel mondo soffrono di Depressione. Nel 2015 788.000 a cui era stata diagnosticata una depressione si sono tolte la vita. Secondo i calcoli le cifre sono destinate ad aumentare nei prossimi anni.

Il disturbo depressivo maggiore si manifesta attraverso episodi di umore depresso che rende l’individuo incapace di proiettarsi in una dimensione presente e futura, condizionando le sue relazioni sociali. La sfera emotiva scompare e lascia spazio a un’evidente passività e incapacità di esprimere, descrivere e immaginare emozioni positive. Emergono quindi anche pensieri legati al suicidio che possono tramutarsi in atti. Il disturbo depressivo maggiore è accompagnato generalmente da disturbi del sonno, dell’alimentazione e disturbi d’ansia e si presenta in comorbiditá (in correlazione) con altri disturbi psichici: disturbo post traumatico da stress, il disturbo di personalità borderline, Schizofrenia oltre che con malattie neurodegenerative come il Parkinson.

Tra le cause si annoverano fattori genetici, ambientali (traumi, esperienze profondamente negative come mobbing e bullismo) e biologici . L’Epidemiologia mostra una curva che si estende, dai tra i 14 e i 50 anni. A livello neurologico il tutto é spiegato con un calo quantitativo dei neurotrasmettitori serotonina e noradrenalina.

Il disturbo depressivo maggiore può essere affrontato con una psicoterapia la quale improntata allo sviluppo di “skills” (strategie), in maniera tale che il paziente impari gradualmente a “reagire” ai sintomi depressivi . Nei casi più gravi la psicoterapia è accompagnata da una cura farmacologica.

 

 

 

“Casting Jonbenet”

L’avvento di piattaforme come Netflix e Amazon ha fatto esplodere letteralmente il „mercato“ delle serie televisive, stravolgendo completamente le regole del mercato cinematografico. L’industria cinematografica e gli attori stessi, si son dovuti adattare a questa evoluzione “artistica” del cinema d’intrattenimento. Se prima le serie erano riservato al lancio di artisti emergenti o a garantire un “posto fisso” a star ormai tramontate o sulla via del tramonto; oggi è quasi un dovere per un attore –Kirsten Dunst, Adam Goldberg, Stellan Skarsgård per citarne alcuni- affermato concedersi alle luci delle serie televisive. Gli stessi registi hanno dirottato la loro attenzione -anche a fronte dei considerevoli marigini di guadagno- basti pensare ai fratelli Cohen e  Jane Campion con le rispettive Serie Fargo e Top of the lake

Contemporaneamente per andar incontro ai gusti di tutti, Netflix, ha iniziato a proporre documentari di ogni genere, che spaziano dall’arte alla politica passando per la cucina ma concentrandosi prevelentemente sul genere investigativo come” Making a Murderer” o il piú recente “The Keepers”

L’ultimo arrivato è “Casting Jonbenet” diretto da Kitty Green.

Il documentario narra dell’omicidio della piccola Jonbenet nella notte di Natale del 1996.

Il caso suscitò l’attenzione e la conseguente indignazione dell’opinione pubblica, davanti all’impossibilità di stabilire chi fosse il colpevole.

Jonbenet Ramsey nasce in una famiglia benestante. La madre, Patsy, trascorre gran parte della sua giovinezza sotto i riflettori dello Show Business,  il padre (John) é un affermato imprenditore.

La piccola Jonbenet sin da piccola è spronata dalla madre a concentrarsi sul mondo della pubblicità e delle sfilate per bambine. Grazie alla sua bellezza, Jonbenet, riscontra in breve tempo un grande successo presso il pubblico americano.

jonbenetcovernospine-2

Il 16 dicembre del 1996 la piccola Jonbenet, all’età di sei anni, è trovata morta nell’abitazione della sua famiglia. Sulla scena del crimine del viene rinvenuta una lettera che intima a un  riscatto di 118.000 dollari.

Il caso è molto complesso e a causa errori commessi dalla polizia, la scena del crimine è da subito inquinata e ritenuta poco attendibile. L’opinione pubblica e parte delle autorità sono convinte che i coniugi Ramsey siano direttamente coinvolti nell’omicidio della figlia. Le prove sono purtroppo scarse e la coppia si difende attraverso i propri legali. Allo stesso tempo avanza l’ipotesi di che l’omicidio sia stato commesso da un estraneo entrato di nascosto quella notte e intenzionato a rapire Jonbenet per scopi legati al mercato pedopornografica.

Ad oggi il caso rimane aperto, con relative domande e ipotesi.

La Green da un taglio molto particolare al documentario, decide di dirigersi verso una sperimentazione mista al teatro già effettuata da altri registi come Von Trier in Dogville (2003) e Manderlay (2005).

Gli attori sono persone comuni, con poche e o nessuna esperienza recitativa alle spalle e la maggior parte hanno vissuto nei dintorni del luogo del delitto. Ognuno di loro è chiamato a fornire una sua versione e interpretazione di ciò che avvenne quella sera. Ci ritroviamo, così,  davanti a più John e Patsy e ogni coppia illustra una possibile variante dell’accaduto. I protagonisti non recitano soltanto ma raccontano nelle interviste della loro vita, soffermandosi anche su situazioni molto intime e delicate.

la-et-mn-mini-casting-jonbenet-review-20170427

Il risultato è straordinario. La Green riesce in circa 80 minuti a confezionare un documentario intenso e originale senza essere banale o eccessiva. Le interpretazioni degli “attori” sono molto interessanti, ed alcuni sono dotati anche di un certo talento.

L’opera della Green merita di essere visionata e apprezzata, per la sua originalità e semplicità nel saper coinvolgere lo spettatore senza sovraccaricarlo emotivamente. La Green apre nel suo piccolo una “nuova era del documentario”, rendendolo piú “assimilabile” per il grande pubblico, meno noioso ma più complesso e vario allo stesso tempo.

Un bel trampolino di lancio per la giovane regista australiana che fino ad ora aveva cercato di farsi strada nel cinema con altri due documentari –molto apprezzati dalla critica- incentrati sul ruolo della donna nella società ucraina: The Face of Ukraine: Casting Oksana Baiul (2014) e Ukraine Is Not a Brothel (2013)

Casting Jonbenet non offre spunti investigativi, né lancia accuse, semplicemente invita a riflettere sul degrado della nostra società, dove il confine tra vittime e carnefici molto spesso è più sottile di quanto non si possa pensare.

Lo sfondo è un delitto che riguarda una bambina, ma ciò che lentamente emerge è il racconto di una società postmoderna ipocrita e depressa, incapace di prendere coscienza delle sue paure e debolezze.

Dal vangelo secondo Saviano

1 Gennaio 2017, ore 00.01 ,un nuovo anno.

Ascolto i brindisi, gli auguri, le promesse che riecheggiano nel palazzo. Immagino l’odore dello spumante e dei panettoni aperti sul tavolo, l’aria un po’ pesante che avvolge la stanza dopo una cena dove il vino l’ha fatta da padrone,.

Sono a letto con un cazzo di Virus influenzale che mi fa vomitare l’anima ogni cinque minuti. Tra bestemmie e sudore, festeggio il nuovo anno.

Mi nutro di acqua e brodini da tre giorni, puzzo e soprattutto non mi sono ancora masturbato. Il che vuol dire che sto veramente male.

Alle 3:00 sono ancora sveglio, mi alzo per andare a pisciare.

Esco il cazzo, al buio, sperando di non pisciare fuori. Il rumore dell’urina che si schianta contro l’acqua del cesso mi dice che per il momento va tutto bene. Penso a Cristina, una barava ragazza di 23 anni spagnola che mi chiese dopo averle sborrato in faccia di pisciarle in testa. Figlia di papá, vacanze in giro per il mondo, vestiti firmati e chiede che qualcuno le pisci in testa. Il mondo è strano, il mondo è masochista, il mondo è straordinariamente banale.

Mi scrollo il cazzo e avverto quello stimolo che da qualche giorno era in letargo. Il cazzo comincia a indurirsi leggermente, lo rimetto nelle mutande e mi dirigo verso la stanza da letto. Voglio masturbarmi, e ho giá in mento il video.

Uno di Jenny Hard, in cui si mette a spompinare un tuzio in mezzo alla strada come se niente fosse. Quante persone si staranno masturbando in questo momento? Quanto sperma sarà versato? Abbastanza da riempirci una piscina?

Entrato nella stanza, mi blocco, d’istinto faccio due passi indietro, completamente scoordinato.

Immaginate di essere a casa da soli, nella vostra fottuttissima casa che conoscete a memoria. Nella quale sapreste muovervi anche a occhi chiusi. Una sorta di dolce monotonia, dove nulla di particolarmente imprevedibile potrà mai accadere a parte cambiare le guarnizioni del lavandino o spostare un quadro per fissarci al suo posto una mensola. Ecco, quella fantastica prevedibilità è spazzata all’improvviso da una presenza strana, che siede sul mio letto.

E’ un uomo calvo e sembrerebbe di carnagione olivastra, alto non più di un metro e settanta. Anzi forse più basso. E’ un essere vivente, cazzo. Respira e lo noto dalle sue spalle che si alzano e si abbassano lentamente seguendo il ritmo del suo respiro.

Indossa una giacca grigia, dalla quale fa capolino il colletto bianco della camicia.

Siede in una posizione rilassata, di attesa. Non posso scorgere il suo viso, ma immagino che le mani siano raccolte all’altezza dell’inguine, rafforzando ancora di più l’idea di una paziente attesa e calma quasi mistica.

Rimango interdetto, non so come reagire. ‘Ndo cazzo vado alle 3:15 di mattina in pigiama e maleodorante a chiedere aiuto? Magari è un sogno, magari è uno scherzo, magari sono morto col cazzo in mano mentre pisciavo.

Aspetto che faccia la prima mossa, magari è un alieno. Un messaggero che mi chiede di partire con lui e ingravidare la sua regina fregna, che ha deciso di dare origine a una nuova razza.

 “Vien…stai tranquill” Mi fa con tono calmo e rassicurante, senza voltarsi.

“E’ tutto appost’”…

C’è qualcosa ora che mi turba come non mai. E non è tanto la sua presenza, quanto il suo accento napoletano. Non avrei mai immaginato che gli alieni avessero un accento napoletano.

Mi avvicino cautamente, preparandomi ad un eventuale teletrasporto immediato. Gli sono affianco e già dal profilo sembrerebbe avere un volto familiare o per lo meno umano. Ma sono troppo confuso e sorpreso per giungere a una conclusione. Lui si gira, mi guarda e mi sorride.

“Ciao, son Robert’ Savian’. Piacer’!”

Porco Dio. Roberto Saviano in camera mia. Mi sarei aspettato di trovarmi qualsiasi persona in camera ma non il Robertone Nazionale. Invece lui è là, difronte a me, che mi fissa con quello sguardo un po’ strabico. I suoi occhietti neri e acquosi mi ricordano quelli dei conigli scannati, appesi nelle macellerie. Il suo volto ha lineamenti duri, scavati dalla una sorta di fatica dovuta a non so cosa. Probabilmente il cazzeggiare da uno studio televisivo all’altro. Il volto è ricoperto da una barbetta leggera, che lo fa sembrare intelligente. Gli mancherebbero gli occhiali per renderlo un perfetto candidato del Movimento Cinque Stelle.

Mi porge la mano. Gliela stringo.

Mi fa cenno di sedere accanto a lui. Tentenno un po’ intimidito e mi siedo.

Robertone profuma di pulito, di sapone di Marsiglia. E’ piacevole stargli accanto, trasmette tranquillità.

Aspetto che sia lui a iniziare il discorso, non so cosa dire. E oggettivamente sono anche un po’ deluso dal non aver trovato un alieno in camera.

“Schcomett’ che non sai pecché son acchí.”

“No, non lo so. E scusami se puzzo ma sono giorni che non posso alzarmi dal letto. Peggio di quella volta trascorsa con Laura a scopare per un giorno intero. Puzzavamo di genitali, sperma, sudore. Ma eravamo felici e contenti. Poi è partita per Londra, si è sposata con Alex, manager alla Ernest Young, due figli e un appartamento a Notting Hill. Ci sentiamo per Natale e Pasqua, le nostre chiamate durano non piú di dieci minuti. Nei quali si entrambi abbiamo paura di dire qualcosa di errato, di insensato che ci porti a piangere come due cretini e a prendere il primo aereo per vederci. Il mondo è straordinariamente banale, Robbe’. Perdonami, non volevo annoiarti.”

“Non ti devi schcusar. Non puzzerai mai come la corruzion’ e l’omertá di Napuoli.”

Rimango interdetto dalla sua affermazione e non capisco se interpretarla come un complimento, una battuta o una provocazione. Poi mi ricordo che appartiene alla scuola evangelica apostolica Sanatoro/Travaglio. Annuisco col capo e sorrido.

“Ok, ma come mai se qui?”

Mi rend’ quont, che la situazion’ è nu puocc stran pette’ ma agg’ saput’ che non gredi in me”.

“In che senso…”

“Non gredi alle barole, non gredi ca Robrto Savian’ é nu brav guaglion, ca vol bene a mammá e che andrá in pardis pecché denung a Mafia”.

Il nuovo anno non poteva cominciar in maniera migliore, con Saviano in camera che mi rinfaccia la mia non devozione. Nel mentre penso a Laura per non so quale cazzo di motivo. Penso che non ho fatto abbastanza, che non sarò mai abbastanza e che porcoddio non mi lascerà mai dietro questa sorta di vittimismo alla Goethe.

“Senti Robbe’, non ho niente contro di te. Cioè siamo in democrazia, ognuno dice ciò che gli pare. Non ti vedo come un santo o un martire. Anche se mi appari in camera mo di Madonna di Fatima. Non so se fai resuscitare i morti o moltiplichi le sarde ma non mi sento un tuo fan.”

“Io son Robert’ Savian’, lu schcrittor’. Facc’ pur a televisionn e schcrivo sobbr a Repubblic. Io so’ brav’ e onest’.”

“Robbe’ non ti devi giustifica’. Ti dico, fai che cazzo ti pare. Scrivi, racconta, fai le maratone Telethon, quello che vuoi. Ma non capisco ancora perché tu sia nella mia camera e soprattutto come hai fatto ad entrarci.”

“Io so’ Robbert’ Savian e io poss’ fa tutt’. Io non agg’ capit pecché non penzi ca so’ na brav person’. Ma tranguill, io ti perdon’. Non avere paura, “lasciate che i bambini vengano a me”, dico sempre.”

E’ uno scherzo, penso. Non può essere.

“Senti, non credo che tu non sia una brava persona. Credo solo che tu ti sia ritagliato un ruolo troppo mistico nell’immaginario collettivo, per altro speculando su tragedie e cazzi vari. Cioè, sei uno scrittore e capisco che tu debba descrivere la realtà. Ma non comprendo il perché tu non scenda in prima linea in quanto campano e amante della tua terra. Sarebbe un bellissimo esempio di coraggio oltre che qualcosa di concreto. In Italia siamo pieni d’intellettuali, poeti, scrittori e professori che raccontano cosa sarebbe giusto o no. Quando li ascolti, sembrano che stiano leggendo ricettari o liste della spesa, dove tutto sembra facile da trovare e la ricetta sia una pura formalità. Sembrano alienati nella loro presunzione, rinchiusi in palazzi di parole e demagogismo. Non capiscono che la gente si sente sola e ha bisogno di qualcuno che la prenda per mano e le mostri come possa iniziare un cambiamento. Tu parli di corruzione, Mafia, morti e stragi. Le descrivi nei minimi dettagli, quasi con una sorta di piacere masochista. Queste cose però le vediamo ogni giorno, ci sono raccontate da tantissime altre persone come te. Ciò che noi mortali chiediamo è cosa si possa fare e come per giungere a un piccolo miglioramento. I tuoi elenchi, le tue liste della spesa ti portano fama, successo e denaro, a noi solo angoscia e solitudine. Impotenza. Sembra quasi che tu viva in un mondo a parte, che tu sappia tutto ma non abbia voglia di condividerlo. Una sorta di Segreto di Fatima per morti di fame. Poi però mi sorge il dubbio che nemmeno tu abbia certe risposte. Che questa realtà così opprimente abbia soggiogato anche te e condannato a una sorte di impotenza. Questo spettacolo macabro ti affascina, come affascina guardare i cani spappolati sulla statale. Non vuoi porgerci lo sguardo ma lo fai, anzi hai quasi la tentazione di ripassarci sopra con la tua auto. Capisci?”

“No, non capischc. Io agg schricct libbr’, io agg denungiat i Casalesi e i politici nfam!’”

“Robbe’, ma perché parli, con ‘sto accento. Lo so che sei di Napoli, in televisione parli normalmente. Senti qua, tu puoi scrivere libri e denunciare chi vuoi ma devi stare attento al ruolo che vuoi assumere. Sei ovunque, il tuo nome compare ovunque così come la tu persona. Non mi meraviglierei se un giorno t’invitassero a presentare San Remo. Non hai mai preso le distanze dal business mediatico, non hai mai posto dei paletti tra la tua vita privata e il Saviano da televisione. E lo hai fatto consapevolmente. Perché il prestigio e la fama sono come puttane dai seni grossi, dal make up pesante e vestiti volgari ma ti fanno venire il cazzo duro. Le pensi incessantemente tutto il giorno e ti masturbi mentre tua moglie, “moralità” è in bagno a farsi la doccia”.

“Vabbuon’, ti do l’ultima possibilità. Bac’, queste stimmate e ti perdono”

Solleva le mani e mi mostra i palmi, sui quali non ci sono né stimmate, né alcun segno di martirio. Osservo il suo volto, vorrei provare rabbia, rancore e quanto di più distruttivo ci sia. Ma riesco solo a provare pena. Davanti a me ho una sorta di relitto umano, fantasma di se stesso. Non più in grado di secernere la realtà dalla sua narcisistica fantasia. L’ennesimo martire mancato, l’ennesimo profeta caduto tra le braccia dell’ovvietà e della paura di andare oltre.

Mi alzo, devo pisciare un’altra volta. Lui non dice nulla, né cerca di fermarmi.

Piscio fissando le mattonelle bianche del bagno e penso che un altro anno è trascorso, in cui ogni cambiamento si è trasformato magicamente nella copia di errori già commessi. Vorrei che questa solitudine e questa sorta d’incompetenza emotiva fuoriuscissero dal mio cazzo, come il piscio, come sperma. Semplicemente buttare fuori quanto più di patetico ho dentro di me, pensieri, parole, angosce, fantasmi.

Ritorno in stanza, Roberto non c’è più.

Non ho più voglia di masturbarmi.

Prendo il telefono e scorro la rubrica, mi soffermo sul nome Laura. Avvio la chiamata, la interrompo prima che il telefono posso squillare. Cancello il numero, blocco ogni tipo di contatto.

Un altro anno, riproviamoci. Proviamo a crescere.

Mannagiacristosaviano.

“Il fattore umano”

09.11.2016, il mondo scopre per l’ennesima volta che la democrazia è una cosa orrenda. Democrazia significa libertà o almeno teoricamente. Una libertà che vale per tutti anche per mio cugino Francesco che sta seduto al bar, blatera contro calciopoli e ritiene che Games of Thrones sia la migliore serie di sempre. Ha vent’anni, molti tatuaggi, parla solo dialetto ed è disoccupato perché gli immigratirubanoillavoro#. Francesco è così in gamba da non essere stato in grado di diplomarsi presso un istituto professionale di merda, ovviamente perché i professorilivolevanomale#.

In compenso, Francesco, ha una fidanzata che è una fregna spettacolare.

Ecco, lui va a votare. Proprio come me e te.

Guardo i servizi della CNN e BBC, Trump ha vinto.

E poi su Internet l’attesa marea di merda: commenti sarcastici, opinioni, insulti, consigli e Cristo in Croce. Ma i Simpson lo avevano predetto, è la battuta più originale. Fantastica. Assolutamente imprevedibile e non banale.

Certo, perché in un paese di obesi e ignoranti certe previsioni credo siano quasi impossibili.

La disperazione dilaga, forse si è sull’orlo di una terza guerra mondiale, conflitti atomici, deportazione per i messicani, le donne dovranno restare a casa e aprire le gambe quando l’uomo lo ordina. Un’isteria di massa –virtuale-, dove ognuno dice la sua ma al tempo stesso non ha ancora idea di cosa sia accaduto.

Una campagna politica così non la vedevo dalle elezioni del rappresentate di istituto del mio Liceo. Si candidava la peggio merda: tossici, analfabeti di 23 anni ancora intrappolati al secondo anno, presunti Punk con scarpe firmate, ritardate con manie di emancipazione. Una lotta tra ignoranti alla quale si era costretti ad assistere impotenti ma allo stesso affascinati dalle sorprese che l’antropologia riservava. Saltavano fuori promesse e progetti -tra l’altro pronunciati con un approssimativo uso del congiuntivo-, si citavano Berlinguer, il Che e addirittura Frank Zappa. Il tutto per assumere un piccolo ruolo in quell’universo mediocre e di merda che è il liceo.

La campagna di Trump è stata oggettivamente sullo stesso livello o forse peggio. Ha sbagliato tutto. Anzi no.

Si è essenzialmente rivolta all’America. E cioè quella nazione di razzisti, che ha fondato la sua ascesa sulla discriminazione e su massacri. Trump è l’inconscio americano, che invano cerca di essere represso e puntualmente viene fuori: Nixon, Bush Senior e poi ancora Bush. Non bastano un negro radical chic e una donna –cornuta- a far cambiare l’immaginario inconscio dell’americano medio.

Agli americani piace possedere un fucile da mostrare a cena agli amici, chiamare le cameriere delle stazioni di rifornimento “Baby”, appassionarsi a sport di merda come il baseball, mangiare ancora più di merda, appendere bandiere americane sul portico.

Voglio dire, anni e anni di film e non abbiamo imparato un cazzo?

Trump è la proiezione delle paure americane, l’antitesi del sogno americano.

Perché l’America non è più una terra di speranze, l’America è ormai a pezzi. Divorata da problemi sociali, una politica estera disastrosa e un’economia ormai collassata.

Trump con le sue promesse ha rassicurato gli americani impauriti e quindi ignoranti. Ha dato voce alle loro frustrazioni, giustificandole attraverso l’esistenza di presunti nemici (i messicani, l’ISIS, l’Europa), dimenticando che l’America da secoli inventa e distrugge nemici.

A conti fatti, Trump, era l’unica soluzione logica e possibile.

Il Brexit e l’avanzata dei movimenti populisti riflettono le angosce e le ansie del mondo occidentale. Di quella “Razza bianca” che ha la sensazione di poter perdere presto la maggior parte dei suoi privilegi. La recessione economica, i flussi migratori e le minacce terroristiche, sono alcuni fattori che hanno caratterizzato gli ultimi quindici anni e polverizzato quelle fragili certezze lentamente ricostruite dal secondo dopoguerra. Quella sensazione di poter continuar a vivere protetti dalle nostre mura e cullati dal suono della lavastoviglie.

Ciò che ogni professore o docente di storia vi dirà sempre, è che la storia è una tragica e costante ripetizione di eventi. E´ il fattore umano.

15032686_1115077951940496_5008549288692816093_n

 

“Tiziana non è un simbolo del femminismo.”

Ai tempi del liceo, nella nostra classe, c’era una compagna (che chiameró A.) bruttina, antipatica e stupida. Praticamente inutile per l’ecosistema di un liceo. Ma A. faceva pompini con ingoio strepitosi e aveva due belle tette. La sua fama si era sparsa un po’ per il lieceo e in parecchi avevano cominciato a beneficiare delle sue doti. Anche i compagni di classe. Ricordo che alla cena di addio del liceo con i professori, A. fece una sega a R. –un nostro compagno di classe- nel boschetto sui cui si affacciava il ristorante.

Quella stessa estate A. si recava con regolarità a casa di F, salivano sulla moto, si dirigevano in pineta e tra pompini e natura incontaminata trascorrevano ore piacevoli. F. mi raccontò come A.,  ogni tanto avesse provato a baciarlo e che lui si fosse sempre rifiutato. “Oh, cazzo è brutta. Che poi pensa che stiamo insieme”.

Come dargli torto.

Altri amici mi raccontavano di pompini al primo appuntamento, senza un apparente motivo. Non si capiva se lei lo facesse per piacere o per ricevere attenzioni anche un po’ sentimentali. Probabilmente entrambi. E comunque finché alle persone coinvolte andava bene, non c’erano problemi.

Mi ricordo anche che nella primavera del terzo liceo, A., iniziò una storia sentimentale con un tipo di un altro paese. Lui si chiamava Marco. Nel delirio passionale e ormonale, lei inviò lui una foto delle sue belle tette. Ma la sfortuna volle che il messaggio fosse stato inviato al Marco sbagliato e cioè a un compagno della nostra classe. Inutile dire che quella foto fu mostrata e a mezzo liceo, proprio a voler essere pessimisti.

Con A. non ho mai avuto nulla a che fare, anche se devo dire che una sega davanti a quelle tette me la sono fatta. Fatto sta che lei oggi è una psicologa, ha un profilo in comune con il suo fidanzato che è brutto e ha pure un nome orribile. Insieme viaggiano, postano cagate su Facebook e sembrano felici.

Nel mio liceo c’era anche F. Lei era un anno più piccola di me. Frequentava la stessa classe della mia ragazza di allora. F: veniva da una buonissima famiglia. Mamma insegnante, padre ginecologo , fratellame e sorellame super intelligenti. F. amava i ragazzi, le piaceva da morire il cazzo e non si faceva problemi a dirlo e dimostrarlo. Si è trombata tutto il paese, forse la provincia o la regione. Fu beccata nel bagno dei maschi, da un bidello, a fare un pompino a un suo compagno di classe.

Tutti sapevano, tutti ne parlavano ma non era un problema né per F., né per le persone coinvolte. Era la realtà dei fatti. Certo, c’era chi la chiamava zoccola ma lei ignorava o rispondeva a tono. A seconda dei casi. Aveva molte amiche e molti amici e sono sicuro che in tanti la invidiassero. F. Indossava con disinvoltura vestiti cortissimi, conoscevamo a memoria il suo abbigliamento intimo come d’altronde le sue imprese “Brazzers”.

Lei, invece, me la sarei trombata  molto volentieri. Oggi lavora come estetista a Roma. Ha la passione per i tatuaggi, selfies, cani, musica di merda e fa le vacanze a Formentera. Non so se sia fidanzata, se si sia scopata tutta Roma o se sia data alla castità. Dalle foto sembra felice. E da sbattere contro un muro e scopare a sangue.

Perché vi ho raccontato queste storie?

Perché avete rotto il cazzo con Tiziana Cantore, la Leotta e ogni tipa che si fa sgamare i video porno sul cellulare.

Credo che ogni persona sia responsabile delle sue azioni, come credo che nel bene e nel male saremo sempre lapidati da giudizi e commenti. Per gli altri saremo sempre dalla parte del torto, ci sarà sempre una morale che dovrà giudicarci. Credo che A. e F. questo lo abbiano sempre saputo, magari inconsciamente. Ed è proprio per questo che sono riuscite a divertirsi e a godersi ciò c’era da godere. Erano giovanissime e ne avranno sentite di tutti i colori sul loro conto ma se ne sono fregate. Hanno accettato la responsabilità di essere giudicate, perché sapevano che a giudicare fossero persone che per loro non contavano nulla o semplicemente invidiose.

Credo che A. e F. siano probabilmente simboli del più sincero femminismo. Espresso con naturalezza e freschezza.

Tiziana, invece, non è un simbolo del femminismo. E’ semplicemente una vittima delle sue scelte. Scelte condotte fidandosi di persone piú che discutibili e assecondando i bisogni degli altri e non i propri.

Tiziana è ciò che ogni donna non dovrebbe mai essere. Schiava delle sue paure, di rimorsi e rancori. Ma questo i libri femministi, così come le presunte giornaliste femministe, non lo accennano.

Troppo facile descrivere le donne come impotenti e vittime. Troppo semplice rinchiuderle nello stereotipo dell’ingenuità e fragilità. Finché questa sorte di misericordia sociale non cesserà di avvolgere l’universo femminile, non si giungerà mai a una definizione di donna indipendente e autonoma.