“Tutti a casa, vergognatevi, andate a lavorare” (cit.)

Il mio entusiasmo per i mondiali quest’anno è pari alla lettura delle bollette dell’Enel.
Diciamo che in generale il calcio comincia a non attirarmi più come una volta, altro segno dell’età che avanza. O sarà semplicemente il fatto che non posso stare a guardare una nazionale allenata da una persona il cui carisma è pari a quello di un testimone di Geova di 15 anni, che cerca di rifilarti la Torre di Guardia supplicandoti con il suo sguardo languido e malinconico.

Eppure come nazionale ce l’abbiamo messa tutta per tornare a essere competitivi. Abbiamo naturalizzato i più scarsi oriundi del mondo, con la speranza che si rivelassero le armi vincenti, in una squadra in cui vengono addirittura convocati giocatori del Parma e del Torino.
Porca troia.

Thiago-Motta_3027852

Questo Mondiale era partito sotto i migliori auspici e le migliori profezie, elementi che non mancano in un paese che in fatto di ottimismo e spavalderia non è seconda a nessuna.
Ma non è andata come previsto, nonostante l’inizio avesse garantito grandi aspettative.
Tra titoli di giornali, entusiasti per la performance contro l’Inghilterra e le dichiarazioni dei giocatori stessi, sembrava fossimo pronti a conquistare otto coppe del mondo in una volta.

Al di là della nostra nazionale, non ho mai avuto la percezione che questo mondiale potesse essere qualcosa di eccezionale, o di unico.
Si è arrivati a organizzarlo quasi a culo, in un paese flagellato dai conflitti sociali e dalla povertà.
Le polemiche sportive e politiche hanno disintegrato la bellezza dell’evento, creando un’atmosfera surreale.
Dalle partite al tifo, tutto sembra essere stato scritto su un copione.

L’Italia è giunta a questo Mondiale contro i favori del pronostico ma descritta come la solita mina vagante che nessuna squadra si augurerebbe di affrontare.
Il girone non era semplice, ma va bene. Perché i gironi per l’Italia non sono mai semplici, nemmeno con l’Andorra e la Nazionale Cantanti.
Con i soliti due pareggi e una vittoria su calcio piazzato ce la facciamo a superarlo.
Pensavano gli ottimisti.

img1024-700_dettaglio2_Buffon-Italia-Costa-Rica

Dopo le illusioni della prima partita, si avverte che la Nazionale è già stanca, senza idee e quasi demotivata.
Perdiamo contro il Costa Rica e poi naufraghiamo contro l’Uruguay.

Partono i capi d’accusa, le polemiche. Tutti a casa, vergognatevi, andate a lavorare.
Proprio il giorno del match Italia-Uruguay giunge la notizia della morte di un tifoso napoletano, ucciso a colpi di pistola il giorno della finale della Supercoppa italiana.

L’ennesima vergogna del nostro calcio, non solo corrotto ma anche idiota.

Lutto cittadino, è morto un eroe.

“Ciro non era un ultrà, seguiva semplicemente ogni partita del Napoli” (cit)

E soprattutto andava allo stadio con gente armata di bastoni e col viso coperto.

Se volete ammazzarvi per una squadra di calcio, so’ cazzi vostri. Ma abbiate la compiacenza di scrivere un testamento, comunicando ai vostri parenti, amici, fidanzate, mogli e preti, che non rompano il cazzo con dichiarazioni assurde e affollino i palinsesti invocando “chiarimenti dallo Stato” o “Giustizia”. Perché poi la “chiarezza” la pretende anche il cittadino medio, comune mortale, non ultrà, che porca puttana vorrebbe andare allo stadio per assistere una partita di calcio.

genny-carogna-ultra-napoli_980x571

Gli stadi italiani sono ostaggio degli ultras, in grado di interrompere partite, rinviarle e mettere in ginocchio le società.
Curve chiuse, tifosi scortati, città blindate.
Quasi uno scenario di guerra, ogni domenica.
Qui c’è gente chi si ammazza per un “ideale” in cui nemmeno gli stessi giocatori di calcio credono.
E mi domando se ne valga la pena, per un calcio che tra scandali vari e indebitamenti ha stravolto il concetto di sport.

In realtà siamo arrivati ai Mondiali già sconfitti, nella dignità, nello spirito sportivo, nella credibilità.

Tutti a casa, vergognatevi, andate a lavorare (cit.)

“McFit fa di tutto per farti sentire una merda”

E’ risaputo che i centri fitness siano alveari di casi umani, manuali antropologici che descrivono l’involuzione della razza umana.
Ma non so quanti di voi abbiano mai avuto il piacere di avere a che fare con “McFit”.
McFith è una catena di studio fitness made in Germany e molto diffusa in Spagna, Austria e Polonia.
In Italia è arrivata da qualche mese, il primo centro è stato inaugurato a Verona qualche mese fa. E si prevede l’apertura di altri centri a Milano e Roma.

Cosa offre McFit?

Prezzi stracciati.
Venti euro mensili (19,90) per poter usufruire di palestre attrezzate e aperte 24 ore su 24.

Ma c’è un problema di fondo. La fauna.

1898113_722873574398522_1287311_n

Presso McFith, ci trovi il peggio del peggio.
E’ una competizione a chi a va in overdose da creatina o chi indossa il top più corto.
Una sfilata di moda comico/tragica, incentivata dalla stessa azienda che promuove concorsi del tipo:
“Diventa un modello McFit”, “Invia le tue foto alla nostra pagina Facebook”.

In palestra ho sempre indossato l’abbigliamento peggiore a disposizione: maglietta deformata di qualche gruppo satanico risalente alla mia adolescenza e pantaloncini della “Nikoss”.
Ma da quando mi sono iscritto a McFit, sento che il mio abbigliamento non è in linea con gli standard richiesti.
Sono circondato da individui in canotta, cappelli da skater e pantaloni aderenti.
Le ragazze entrano in palestra come essere umani normali e poi in sala si trasformano in puttanone serbe con 5 cm di make up e abbigliamento che lascia più spazio allo stupro che all’immaginazione.
Per sposare completamente l’ideologia McFith non basta un abbigliamento accurato, con scarpe in tinta con il perizoma. Ma servono anche preziosi gadget che possano in qualche modo evidenziare il tuo status di persona “cool”.

10004066_786068344745711_1065789085138673909_n

Perché bisogna essere COOL anche quando si suda e puzza.

Quindi:
1) Iphone sempre alla mano per immortalare i momenti topici dell’allenamento e postare il tutto sul sito ufficiale, fare raccolta di approvazioni e tornare a casa con la convinzione di essere belle e brave persone;
2) Borraccia contenente merda ultravitaminica, vietata anche nel mercato nero nord-africano;
3) Cuffie. Devi indossarle sempre, e rincoglionirti con la top-list di Spotify.

Ma il bello di McFit risiede anche nella sua atmosfera “plagiante”.
I centri sono attrezzati con schermi che mandano in onda sfilate di moda, training virtuali di donne siliconate e uomini con bicipiti più grandi delle testa.
Tipo Cronelia Ritzke. Che che con le sue tette, riesce a far passare in secondo piano i suoi sollevamenti 15×80 kg.

Insomma, McFit fa di tutto per farti sentire una merda e invogliare a trasformarti nella copia mongoloide di Schwarzenegger o Pamela Anderson.

10402629_778303302188882_6770142534328473770_n

E  non puoi nemmeno rimorchiare.

Diciamo la verità, in palestra si va per rimorchiare. O almeno questa era la tendenza fino a qualche anno fa.
Presso McFit sono tutti così concentrati nel aggiustarsi la pettinatura o a impostare qualche filtro per lo scatto, che non vi è modo per cercare di concludere la settimana con una scopata.
Inoltre qualsiasi tipo di conversazione è resa impossibile dalla presenza di MP3 in ogni apparato uditivo.
Si comunica a gesti. Sguardi.

Però se la tua foto riceve più “mi piace” rispetto alle altre, ti porti a casa il borsone esclusivo di McFith.

10247478_766619046690641_5339845849262470911_n

In tutto questo, da quando mi sono iscritto a McFit, le uniche performance muscolari che sono riuscito a migliorare sono quelle relative al trastullamento del mio cazzo davanti ai video della Ritzke.